IVA, dogane e accise

  • Italiano
    • Francese
    • Inglese
    • Tedesco
    • Spagnolo

COVID-19: iniziative relative all’IVA per aiutare le imprese dell’UE

In questa crisi attuale dovuta all’epidemia di coronavirus (Covid-19), i paesi dell’UE hanno adottato misure per sostenere le imprese dell’UE per quanto riguarda i loro obblighi in materia di IVA.

L’UE ha spinto gli Stati membri ad adottare misure per quanto riguarda la riduzione della responsabilità per l’IVA, per aiutare le imprese di fronte all’attuale crisi economica.

In questo articolo ti forniamo alcune specifiche del paese in relazione a queste misure avviate.

Questa panoramica è solo a scopo informativo e potrebbe essere soggetta a modifiche.

RESI E PAGAMENTI IVA RITARDATI
Austria: le aziende possono scegliere di posticipare il pagamento dell’IVA fino al 30 settembre 2020 o di pagarlo a rate. Il nuovo termine per la presentazione della partita IVA è il 31 agosto 2020, senza imporre interessi di mora se le dichiarazioni non vengono presentate in tempo.

Belgio: il pagamento dell’IVA viene automaticamente posticipato al 20 maggio 2020 per le dichiarazioni IVA mensili dovute per marzo e per la dichiarazione IVA trimestrale dovuta per il 1 ° trimestre 2020 il termine è posticipato al 7 maggio 2020. Un differimento automatico del pagamento di 2 mesi per l’IVA senza dover pagare multe o interessi. Aprile scadenze per il pagamento dell’IVA posticipate di 2 mesi

L’IVA per i servizi di Ristorazione ridotta al 6%.

La commissione finanziaria e di bilancio del parlamento ha adottato varie misure fiscali di supporto relative al COVID-19.

Cipro: 28 ottobre, ritardi nel pagamento dell’IVA; ridurre l’aliquota IVA sul turismo al 5%

Repubblica Ceca: 27 ottobre, differimenti IVA per il settore del commercio al dettaglio

Danimarca: le dichiarazioni IVA vengono posticipate di 1, 3 o 6 mesi a seconda che le dichiarazioni vengano presentate mensilmente, trimestralmente o semestralmente.

Finlandia: il governo ha pubblicato un ampio rapporto su come far uscire la Finlandia dalla crisi economica causata dalla pandemia COVID-19 aumentando alcune delle aliquote IVA ridotte, ampliando la base imponibile per l’imposta sul reddito delle società e alcune altre misure

Francia: nessuna proroga dei termini, dichiarazioni IVA e pagamenti devono essere effettuati entro i normali termini. Tuttavia, ci sono altre misure in merito alle dichiarazioni IVA e ai pagamenti se vengono soddisfatte determinate condizioni (un calo significativo del fatturato dovuto al Covid-19, l’impossibilità di raccogliere gli elementi necessari per la redazione delle dichiarazioni ecc.), Non esitate a Contattateci per maggiori informazioni.

Francia e Svizzera: Francia e Svizzera hanno firmato un accordo sulla tassazione dei lavoratori frontalieri che attualmente lavorano e-working a casa a causa della pandemia COVID-19.

Germania: le aziende direttamente interessate dal Covid-19 possono richiedere un ritardo del pagamento dell’IVA fino al 31 dicembre 2020, senza penali di ritardo nel pagamento. Oltre il 31 dicembre 2020, le richieste di proroga devono essere giustificate. Ciò vale anche per le società non residenti in Germania. Estensione dell’aliquota IVA ridotta al ristorante e ai servizi di catering (dal 19% al 7%) dal 1 ° luglio 2020 al 1 ° luglio 2021

Islanda 23 ottobre, riduzione delle sanzioni da fine settembre a novembre pagamenti IVA

Irlanda: non verranno applicati interessi o sanzioni per i ritardi di pagamento per i pagamenti IVA da gennaio a febbraio. Tuttavia, le dichiarazioni IVA devono essere sempre presentate in tempo.

I debiti relativi all’IVA e alle imposte sui salari COVID-19, dovuti dal 1 marzo 2020 alla data in cui verranno revocate le restrizioni settoriali, saranno parcheggiati per un periodo di 12 mesi senza interessi su tali debiti fiscali. I tempi per il rimborso del debito “immagazzinato” saranno flessibili. Dopo il periodo di 12 mesi, i debiti fiscali relativi al COVID-19 avranno un tasso di interesse ridotto del 3% (dal 10%), fino al pagamento del debito. Se una società desidera beneficiare dell’accordo di deposito, deve aver presentato tutte le dichiarazioni IVA in conformità con la guida alle entrate che è stata applicata dall’inizio dell’attuale pandemia.

L’interesse sui ritardi di pagamento per l’IVA di gennaio / febbraio e marzo / aprile è sospeso per le piccole e medie imprese (PMI)

Per le aziende, diverse dalle PMI, che stanno riscontrando flussi di cassa temporanei o difficoltà commerciali sono indirizzate a contattare il Collector-General, possono anche richiedere un accordo di pagamento graduale.

Italia: differimento della dichiarazione annuale IVA per il 2019 posticipato fino al 30 giugno 2020 per i non residenti. I pagamenti dell’IVA dovuti ad aprile 2020 e maggio 2020 sono stati sospesi per le imprese qualificate fino al 30 giugno 2020. Le autorità doganali italiane informano che non è prevista l’IVA sull’importazione di merci utilizzate nell’emergenza Covid-19.

Il 13 maggio 2020 il Consiglio dei Ministri ha approvato un nuovo Decreto Legge che prevede misure urgenti per rilanciare l’economia e mitigare gli effetti del COVID-19 per i contribuenti, compresa la sospensione dei pagamenti dell’imposta sul valore aggiunto, dei contributi previdenziali e delle ritenute alla fonte dei datori di lavoro in scadenza a marzo, aprile e maggio 2020 fino al 16 settembre 2020 (soggetto a determinate condizioni)

Lussemburgo: viene concesso un differimento del pagamento dell’IVA a tutti i contribuenti IVA colpiti dalla crisi del Covid-19. L’Amministrazione per i domini di registrazione e l’IVA ha annunciato sul proprio sito Web, chiedendo ai soggetti passivi e ai fondi di investimento di presentare la dichiarazione di IVA e imposta di sottoscrizione

un modo tempestivo. Tuttavia, non saranno adottate misure di riscossione forzata delle imposte.

Paesi Bassi: le aziende che stanno avendo difficoltà a causa della crisi del Covid-19, possono richiedere una mora di pagamento dell’IVA per 3 mesi. Gli interessi di mora per ritardato pagamento saranno ridotti dal 4% allo 0,01% se il ritardo non riguarda la crisi. Per un flusso di cassa migliore, le aziende con crediti IVA regolari sulle loro dichiarazioni IVA trimestrali possono passare alla rendicontazione mensile.

Norvegia: 20 ottobre, aliquota IVA ridotta del 6% nuovamente estesa su trasporto passeggeri, cultura, hotel, attività sportive.

Polonia: nessuna dilazione dei pagamenti IVA o presentazione delle dichiarazioni, le aziende che stanno avendo difficoltà finanziarie a seguito della pandemia possono richiedere ritardi di pagamento o rate di pagamento, senza penali.

Romania: 27 ottobre, consultazione sui pagamenti IVA del piano rateale di 12 mesi

Slovacchia: 20 ottobre, pagamenti IVA differiti fino al 1 febbraio 2021

Spagna: il posticipo del termine per la presentazione delle dichiarazioni IVA dovute dal 18 marzo 2020 viene automaticamente prorogato fino al 20 maggio 2020. I pagamenti dell’IVA con una scadenza tra il 13 marzo 2020 e il 30 maggio 2020 possono essere posticipati di 6 mesi (questa misura si applica solo alle società il cui fatturato nel 2019 era inferiore a 6 milioni di euro). Iniziative fiscali a sostegno del settore culturale – in materia di imposta sul reddito delle società e imposta sul reddito delle persone fisiche

Svezia: è possibile applicare un differimento del pagamento dell’IVA per un periodo compreso tra 3 mesi e un anno. Nessuna modifica del termine per la dichiarazione IVA che deve essere presentata in tempo.

UK: Nessun ritardo per la presentazione delle dichiarazioni IVA, deve essere presentata entro i consueti termini, invece i pagamenti IVA dovuti da marzo a giugno saranno differiti fino al 31 marzo 2021 senza imporre alcuna penale o interessi per ritardato pagamento . Questo differimento è automatico e si applica anche ai non residenti.

Dal 1 ° maggio al 31 luglio 2020 è stata introdotta l’aliquota IVA temporanea per i dispositivi di protezione individuale.

XIII DIRETTIVA MISURE IVA
Alcuni degli Stati membri dell’UE hanno prorogato il termine per le richieste di rimborso dell’IVA ai sensi della “13a direttiva” (per le società stabilite al di fuori dell’UE). Si prega di trovare una panoramica di queste scadenze nella tabella seguente:

Austria 30/06/2020
Belgio 30/09/2020
Danimarca Rinviata al 30/09/2020
GAS NATURALE O ELETTRICITÀ Rinviata al 30/09/2020
Germania 30/06/2020
Irlanda 30/06/2020
Italia 30/09/2020
Lussemburgo 30/06/2020
Paesi Bassi 30/06/2020
Polonia 30/09/2020
Portogallo 30/09/2020
Svezia 30/06/2020
Spagna 30/09/2020
Regno Unito 30/06/2020

Condividi questo articolo...

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram