IVA, dogane e accise

  • Italiano
    • Francese
    • Inglese
    • Tedesco
    • Spagnolo

Bevande alcoliche ed e-commerce: limitazioni delle accise in Europa

Poiché erano abituate a tassi di crescita eccezionali (oltre il 30% all’anno in media tra il 2008 e il 2015), le vendite di vino online dovrebbero aumentare in Francia del 6% all’anno (solo) in media entro il 2022 per raggiungere 1,9 miliardi di euro ( rispetto a 1,5 miliardi nel 2018, ovvero il 10% del mercato totale per tutti i canali combinati).

Le bevande alcoliche sono uno dei pochi settori per i quali il commercio elettronico non è vietato (a differenza del tabacco, ad esempio) ma che tuttavia rimane materialmente difficile all’interno dell’UE così com’è. Blocco principale? I termini e le condizioni dichiarativi per le accise in Europa.

Le bevande alcoliche, ai sensi dei regolamenti sulle accise dell’UE, sono bevande con un volume alcolico effettivo superiore all’1,2% (ad eccezione delle birre che sono considerate bevande alcoliche quando il volume alcolico effettivo supera lo 0,5%).

Secondo la direttiva europea applicabile [1], le accise dovute sulle vendite online effettuate a privati (B2C) sono pagabili dal venditore nello Stato membro di consumo da un lato e soggette a due dichiarazioni per un ordine spedito e consegnato d’altra parte.

L’elevato volume di transazioni proprie dell’e-commerce permette di immaginare facilmente che gli oneri amministrativi poi generati tendano ad accentuare i difetti di conformità degli operatori, o peggio: i circuiti delle frodi.

Il deficit in termini di finanza pubblica è proporzionale alla crescita del mercato dell’e-commerce per le bevande alcoliche, quindi estremamente significativo. Per quanto riguarda le dichiarazioni di accise francesi, EUROTAX ha quindi collaborato con le autorità doganali francesi e il Ministero delle finanze pubbliche affinché possano essere adottate procedure dichiarative adattate al commercio elettronico. Attraverso la nostra associazione EDRA (European Excise Duty Representatives Alliance) stiamo ampliando i nostri sforzi di sensibilizzazione con una dozzina di Stati membri dell’Unione europea al fine di facilitare i processi di conformità delle accise degli e-merchant.

Cosa richiede la Direttiva Europea

Quello che segue è un estratto dell’attuale Direttiva Europea sul regime generale delle accise. Ogni negozio online che vende bevande alcoliche a persone all’interno dell’UE dovrebbe rispettare:

1. Prodotti soggetti ad accisa già immessi in consumo in uno Stato membro, acquistati da una persona, diversa da un depositario autorizzato o da un destinatario registrato, stabilito in un altro Stato membro che non esercita un’attività economica indipendente, e che sono spediti o trasportati in un altro Stato membro direttamente o indirettamente dal venditore o per suo conto sono soggetti ad accisa nello Stato membro di destinazione.

Ai fini del presente articolo, per “Stato membro di destinazione” si intende lo Stato membro di arrivo della partita o del trasporto.

2. Nel caso di cui al paragrafo 1, l’accisa diventa esigibile nello Stato membro di destinazione al momento della consegna dei prodotti sottoposti ad accisa. Le condizioni di esigibilità e l’aliquota dell’accisa da applicare sono quelle in vigore alla data in cui l’accisa diventa esigibile.

L’accisa è pagata secondo la procedura stabilita dallo Stato membro di destinazione.

3. Il debitore dell’accisa nello Stato membro di destinazione è il venditore. Tuttavia, lo Stato membro di destinazione può prevedere che il responsabile sia un rappresentante fiscale, stabilito nello Stato membro di destinazione e riconosciuto dalle autorità competenti di tale Stato membro, o, nei casi in cui il venditore non abbia rispettato la disposizione di paragrafo 4, lettera a), il destinatario dei prodotti sottoposti ad accisa.

4. Il venditore o il rappresentante fiscale deve soddisfare i seguenti requisiti:

a) prima della spedizione dei prodotti soggetti ad accisa, registra la sua identità e garantisce il pagamento dell’accisa presso l’ufficio competente specificamente designato e alle condizioni stabilite dallo Stato membro di destinazione;

b) pagare l’accisa presso l’ufficio di cui alla lettera a) dopo l’arrivo dei prodotti sottoposti ad accisa;

c) tiene una contabilità delle consegne di prodotti soggetti ad accisa.

ARTICOLO 36 DELLA DIRETTIVA 2008/118 / CE – VENDITA A DISTANZA

La nomina del Rappresentante Fiscale Accise (o agente)

Pertanto, in linea di principio, un venditore online B2C dovrà nominare un rappresentante fiscale o un agente in ciascuno Stato membro in cui una persona fisica effettuerà un ordine, che eseguirà per suo conto:

  • Una dichiarazione PRIMA di ogni spedizione (è vietato spedire i prodotti prima che venga presa in considerazione la spedizione dei dazi) e;
  • Una dichiarazione DOPO la consegna della merce.

Un fardello dichiarativo che trattiene lo sviluppo economico di un intero settore

Inutile dire che non mettiamo in discussione i fondamenti di questa tassazione, e nemmeno il fatto che non sia armonizzata a livello europeo. Alcuni paesi sono più “produttori” di tali bevande, e altri piuttosto “consumatori” (ovviamente esiste anche la via di mezzo). Alcuni Stati membri condurranno la loro politica fiscale sull’alcol principalmente a causa dell’impatto sulla salute delle bevande alcoliche sul loro territorio, mentre altri fisseranno invece le aliquote in base al livello di gettito fiscale previsto.

Sono le modalità dichiarative che non sono compatibili con questi “nuovi” metodi di distribuzione provenienti dal web. Purtroppo, è contro queste modalità dichiarative che le regole di base così specifiche del commercio elettronico, come la consegna rapida, la flessibilità della catena di approvvigionamento e l’automazione del trattamento dei dati, stanno quindi finalmente ostacolando le vendite online B2C intracomunitarie di bevande alcoliche.

A differenza di alcune grandi aziende o gruppi di birre, liquori, vini e champagne, non tutte le aziende attive nel settore sono uguali nella conoscenza delle accise e delle apparecchiature del sistema informatico (ad es. Capacità di recuperare i volumi di alcol per bevanda dal sistema). Occorre infatti distinguere tra i grandi gruppi specializzati – che non hanno ancora avviato il commercio elettronico a causa di questo blocco normativo unico ma significativo; da start-up o aziende in crescita puramente basate su un modello web, che hanno iniziato a vendere nel loro paese d’origine e poi improvvisamente hanno scoperto / si sono schiantate contro un regolamento che le aiutava ad espandersi e beneficiare del mercato unico europeo.

Tuttavia, per natura, per l’e-seller attivo in qualsiasi altro settore di attività, che potrebbe essere una start-up o un grande gruppo, vendere online e limitarsi al mercato nazionale è come… produrre uno champagne senza bolla, no?

In EUROTAX, un rappresentante fiscale accreditato da più di 30 anni, abbiamo affrontato l’argomento come una sfida.

Abbiamo incontrato molte aziende di tutte le dimensioni, discusso sulle loro tematiche (organizzative, informatiche e ovviamente normative) e, piuttosto che rinunciare all’impossibilità di diffondere know-how e prodotti di qualità direttamente ai consumatori in Europa, e questo in modo tempestivo, abbiamo reperito controparti, esperti in accise in Europa, per chiedere loro quali fossero i propri ostacoli normativi.

Abbiamo riscontrato sorprendenti disparità nei trattamenti dichiarativi da uno Stato membro all’altro, sia in termini di frequenza che di modalità di segnalazione (cartacea o elettronica).

Grazie alla guida dei dibattiti e delle discussioni di EUROTAX con altri professionisti esperti europei, è del tutto naturale che abbiamo deciso di formare insieme un’associazione e abbiamo fondato l’Alleanza dei rappresentanti delle accise europee.

L’associazione conta più di una dozzina di membri, ognuno dei quali rappresenta un paese dell’Unione Europea pronto a servire le aziende di e-commerce in termini di rendicontazione delle accise.

Supportiamo la ricerca e il confronto con le autorità locali.

In qualità di membro fondatore di E.D.R.A., EUROTAX ha creato e implementato un’offerta di servizi di accise sugli alcolici dedicata alla vendita a distanza di alcol.

Possiamo aiutarti e assisterti in una dozzina di paesi dell’UE e coordinare tutti i tuoi obblighi di dichiarazione, attraverso un quadro IVA e accise per garantire che i flussi siano segnalati in conformità e per monitorare la completezza delle dichiarazioni.

Contatta EUROTAX per definire insieme le tue esigenze, stimare i volumi di spedizioni mensili da segnalare e assicurarti che le chiavi di queste serrature normative siano nelle mani esperte di un unico contatto esperto.

Marcie REYNO-DALLE, Directrice Fiscalité Indirecte

Alexandra LOUYOT, Manager Fiscalité Indirecte

Condividi questo articolo...